Mazzette Pantone
Consigli & utilità

Le mazzette Pantone: cosa sono e come si utilizzano

Autore:

Home » Consigli & utilità » Le mazzette Pantone: cosa sono e come si utilizzano

Condividi l'articolo su:


Seguici sulle pagine ufficiali:



Sei curioso di saperne di più riguardo alle mazzette Pantone? Hai avuto modo di osservare questo strumento, ma non sai bene a cosa possa servire? Oppure ne vuoi acquistare una, però non sai come utilizzarla? Fortunatamente sei capitato nel posto giusto al momento giusto!

Infatti in questo articolo, voglio parlarti di questo fantastico oggetto conosciuto ed utilizzato da milioni di persone in tutto il mondo, cercando di rispondere nel migliore dei modi a tutti i tuoi possibili quesiti o dubbi.

Per iniziare, bisogna sapere che le mazzette Pantone sono dei cataloghi atti all’individualizzazione precisa di colori, e vengono prodotte dall’omonima e famosissima azienda americana. Esse rappresentano il sogno di ogni Graphic designer, ma un sogno molto dispendioso per colpa del costo elevato di ogni mazzetta!

Ma a cosa servono le mazzette Pantone?

Come già accennato, sono dei cataloghi di altissima qualità in cui vengono classificate centinaia di campioni di colori con le altrettante sfumature annesse.

Grazie a questa palette cartacea, è possibile individuare in maniera estremamente dettagliata, la tipologia di colore che si vuole utilizzare.

Come si utilizzano le mazzette Pantone?

Il loro utilizzo, messo a punto negli anni cinquanta, è estremamente facile: basta individuare il colore desiderato presente nella mazzetta e riportare il suo codice univoco nella palette per la scelta del colore.

La loro comodità d’uso sta proprio nel fatto che ogni colore è identificato – in questo modo si ha la certezza che il campione scelto sarà quello che verrà successivamente stampato – ; per questo motivo il codice pantone rappresenta uno standard riconosciuto da ogni impresa a livello internazionale!

A chi è rivolto il suo utilizzo?

Possedere mazzette Pantone è un vanto, perché il loro costo elevato non passa di certo inosservato; c’è da dire però, che non si tratta di uno strumento essenziale, è rivolto infatti a quei professionisti che del colore ne fanno il loro lavoro.

Questi campioni sono rivolti prevalentemente a professionisti nell’ambito grafico – graphic designer -, ma anche architetti, pittori, stilisti, ecc.

Come si stampa un colore Pantone?

In genere, per stampare, si utilizza la quadricromia CMYK e questi quattro colori, mescolati, permettono di ottenere moltissimi altri colori e tonalità. Tuttavia sono presenti colori che non si possono ottenere solo ed esclusivamente tramite i Pantone.



Ti sta piacendo l'articolo e lo stai trovando interessante?

Spero di si! Ma prima di continuare con la lettura, se non l'hai già fatto, potresti lasciare un +1 ? Mi faresti molto felice, grazie!




Questa tipologia di stampa però risulta molto più dispendiosa perché, alle quattro lastre standard bisognerà aggiungerne una quinta lastra e un passaggio macchina in più.

Proprio per questo motivo, la stampa pantone è fondamentale solo per i i professionisti che devono svolgere particolari lavori con particolari colori!

Cosa succede se scelgo un Pantone e poi lo stampo in CMYK?

Stampare un colore Pantone in CMYK non sempre è possibile; può succedere che la stampante – se non predisposta – non riconosca il codice e quindi non riesca ad avviare la stampa e, anche se la stampa dovesse avere esito positivo, il risultato finale non sarà per nulla fedele al colore scelto.

Si può convertire il Pantone in CMYK?

Certamente, ma non è la stessa cosa.

Esistono codici che ci permettono di tradurre un colore Pantone in quadricromia: ad esempio, il Pantone Coated 100 C, può essere tradotto in CMYK tramite il codice 0, 41, 61, 4.

Rimane da dire però che difficilmente si riesce ad ottenere una tinta perfettamente identica a quella che si desidera, perché i colori Pantone nascono dalle vernici e non dall’unione di quattro colori.

 

codice mazzette pantone

 

Quali tipologie di Pantone è meglio utilizzare?

Esistono diverse tipologie Pantone e il loro utilizzo cambia in base alla tipologia di carta su cui si vuole stampare:

  • Coated: per la carta patinata lucida;
  • Uncoated: per la carta uso mano (non patinata);
  • Matte: Carta patinata opaca.

È di estrema importanza, prima di stampare un lavoro, parlare con il tipografo per essere certi che il risultato finale sarà quello desiderato.

Quanto dura una mazzetta di Pantone?

Hanno una durata di circa due anni, oltre questo tempo è consigliabile sostituirla, anche se viene ben conservata: l’azienda Pantone produce e mette in circolazione ogni anno nuovi colori e, con il passare del tempo e del loro utilizzo, la stampa dei colori sulla mazzetta tende a sbiadire.

Ora vi lacerò il link di Amazon in cui poter acquistare le mazzette Pantone.

 

 


 

Articoli correlati:

 


 

P.S. : Se l'articolo ti è piaciuto, ricordati di mettere anche un Mi Piace alla nostra pagina Facebook e di lasciare un Segui su quella di Instagram: per me rappresentano un feedback di apprezzamento molto importante! Grazie 😉







Le mazzette Pantone: cosa sono e come si utilizzano ultima modifica: 2017-11-06T07:55:06+00:00 da Federico

Articoli che ti potrebbero interessare: